Osteopatia e sport: come migliorare la performance atletica e prevenire gli infortuni

L’osteopatia si propone l’obiettivo e la priorità di mantenere e ricercare la salute dell’atleta professionista o del semplice fruitore dei servizi di fitness durate la normale attività sportiva o dopo un infortunio. Questo perché svolge un ruolo importante nella risoluzione dei traumi ed è di supporto nella preparazione atletica per ottimizzare la performance e favorire la capacità di recupero. L’attività sportiva può negli anni creare stress e sovraccarichi che rischiano di accumularsi e generare infortuni, quali il gomito del tennista o la spalla nel nuotatore. Se le strutture non vengono riportate a un corretto equilibrio, possono andare in contro ad una degenerazione dei tessuti che si indeboliscono e predispongono a infiammazioni o lesioni.

Affidarsi all’osteopatia per un atleta significa prendersi cura del proprio corpo e della propria salute, assicurandosi la massima efficienza dell’apparato muscolo-scheletrico.

In questo modo lo sportivo avrà la sicurezza di poter affrontare tutte le sfide al massimo delle sue potenzialità, ottimizzando così le prestazioni e risolvendo i problemi di natura funzionale. Il gesto atletico ha un ruolo importante in quegli sport, dove il gesto tecnico è ripetuto molteplici volte. Ne sono un esempio la bracciata del nuotatore, la schiacciata o l’alzata del pallavolista, il lancio del baseball o lo swing del giocatore di golf. In questi casi l’osteopata può intercettare e intervenire su quegli schemi motori disfunzionali che tendono a favorire il replicamento di un utilizzo sbilanciato di alcune catene muscolari.

Il corpo dell’atleta viene infatti sottoposto a fatiche e stress continui e per questo richiede un monitoraggio costante.

L’osteopata può essere di grande aiuto per lo sportivo durante i periodi di allenamento molto intensi, ma anche in prossimità di appuntamenti agonistici importanti quando ha l’esigenza di arrivare al giorno della gara nella condizione psico-fisica ideale oppure per un recupero post gara più veloce. Il trattamento osteopatico genera una facilitazione di riequilibrio del sistema nervoso autonomo e quindi permette di affrontare la qualità del riposo notturno nel modo migliore. Inoltre, aiuta a correggere eventuali disturbi posturali e a migliorare la funzionalità dell’organismo: condizioni che nel tempo permettono di rendere più efficace e più fluido il gesto atletico.

È importante non sottovalutare tutte le sollecitazioni a cui tutto il corpo è sottoposto nello svolgimento di uno sport, sia che esso venga praticato a livello amatoriale che agonistico.

Scegliere uno sport solo in base ai propri gusti personali e non alla propria conformazione fisica può sottoporre l’organismo a livelli elevati di stress innescando dolori muscolare e articolari. Si può dunque verificare che una struttura non più abituata al movimento venga sollecitata da esercizi non adatti alla propria postura e al proprio corpo determinando l’uso eccessivo di alcuni gruppi muscolari a discapito di altri e a volte anche in maniera asimmetrica. Qui l’intervento dell’osteopata diventa necessario per il trattamento del dolore e per ripristinare la corretta funzionalità dell’organismo.

L’osteopata valuta l’atleta nel suo complesso, individua cause e sintomi di disfunzioni e disturbi che possono essere la causa di infortuni o impedimenti nel migliorare le proprie prestazioni, interviene su di essi in modo da ristabilire armonia ed equilibrio.

Si parte, dunque, da un’accurata anamnesi del paziente, attraverso un colloquio, e poi si passa alla valutazione generale delle condizioni fisiche dell’atleta prendendo in esame particolarmente l’apparato scheletrico e muscolare, e non solo. Segue poi quindi il trattamento utile per risolvere il problema.

Commenta con Facebook